Torneo open Terra Madre: vince Grazioso

/ Autore:

Sport, Tennis


Di fronte ad un numeroso competente e caloroso pubblico, il calabrese Andrea Grazioso ha battuto in 2 set l’abruzzese Giorgio Ricca. Di seguito il comunicato inoltrato dallo Sporting Club di Martina Franca.

Si è chiuso domenica 28 agosto, con il successo di Andrea Grazioso su Giorgio Ricca in 2 set (6-2, 6-4), il torneo open di tennis Trofeo “Terra Madre” – memorial Peppino Lacarbonara. L’atto conclusivo di due intense settimane di grande tennis sui campi dello Sporting Club, in cui si sono succeduti quasi 150 iscritti, è stato seguito da numerose persone che hanno riempito le gradinate del circolo di contrada Giuliani, seguendo con attenzione e applaudendo con grande competenza gli atleti.

Il successo è stato salutato dal direttore del torneo, il maestro Angelo Sforza, con l’arrivederci al prossimo anno e con la promessa di riportare a Martina un torneo di livello internazionale.

Marica Pugliese, presidente dello Sporting Club, con Alessandro Paiano main sponsor del torneo

La cerimonia di premiazione è stata aperta da Marica Pugliese, presidente dello Sporting Club: «Ringrazio, a nome di tutto il consiglio direttivo, tutti coloro i quali hanno voluto condividere con noi la finale di questo torneo. Per la verità, questo è stato solo l’atto conclusivo di dodici giorni di bellissimo tennis, con quasi cento cinquanta tennisti che si sono alternati sui nostri campi. È stato un evento dedicato al grande tennis ma anche l’occasione per creare grande aggregazione tra di noi, con gente di ogni età che si è affacciata qui da noi ma soprattutto abbiamo visto tanti ragazzi a cui cerchiamo di consegnare un grande messaggio. Ringrazio tutti quelli che si sono spesi per la realizzazione di questo torneo, a cominciare dai custodi, passando per il giudice arbitro Leonardo Marzolla e per il maestro Sforza che hanno fatto si che tutto si svolgesse al meglio. Non si può dimenticare il maestro Pierpaolo Basilico e la sua squadra di raccatta palle in giallo. Ma una qualunque attività di questo tipo non può essere realizzata senza aiuti economici, quindi il nostro grazie più grande va ad Alessandro Paiano che ha reso possibile tutto ciò.  Al contempo voglio ringraziare le autorità cittadine e il sindaco Palmisano che è tra noi perché noi inseguiamo lo stesso obiettivo: un interesse pubblico e il benessere per la nostra comunità. Noi ci sforziamo di raggiungere questo interesse con la divulgazione dello sport. Qui allo Sporting non c’è solo il tennis, ma c’è soprattutto il tennis. Per cui viva lo sport e viva il tennis».

A fare da eco alle parole della numero uno del circolo, sono arrivate le parole del primo cittadino di Martina Franca, Gianfranco Palmisano: «La signora Pugliese ha ringraziato il sindaco, ma in questa circostanza sono io che ringrazio voi per le attività che svolgete, che è importantissima. E qualsiasi amministrazione deve starvi vicino per cercare di collaborare il più possibile. Questo perché l’attività sportiva, oltre che dal punto di vista della salute, insegna a vivere».

In chiusura di cerimonia ha preso il microfono Massimo Lacarbonara, che ha voluto fortemente legare il nome di suo padre all’iniziativa sponsorizzata da “Terra Madre”. «È difficile parlare – ha detto il manager del circolo Aspria Harbour Club di Milano – perché per me questo campo rappresenta tantissimi bei momenti vissuti con tanti di voi, vissuti da allievo della scuola tennis, da agonista, da maestro. E devo quindi ringraziare il mio di maestro, Angelo Sforza e con lui tutto il consiglio direttivo e tutti gli amici e lo sponsor che hanno permesso la realizzazione di un evento che ricorda la memoria di mio padre e con lui ricorda tutti quei soci fondatori di questo club. Per me è una emozione pazzesca. Anche io su questo campo ho giocato tante finali, con la passione che mi è stata trasmessa proprio da mio padre».

L’atto finale del tabellone ha visto di fronte il calabrese Andrea Grazioso e l’abruzzese Giorgio Ricca. Il primo, che si è aggiudicato con relativa tranquillità il primo set, ha dovuto sudare e non poco per chiudere l’incontro. Sono stati necessari sette match point per il definivo 6-4 che l’ha decretato numero uno del torneo.

Al momento della premiazione è arrivato il saluto del secondo classificato: «Voglio ringraziare tutti -le parole di Ricca – in primis per l’ospitalità, perché non si vede solitamente un open organizzato in questa maniera ed è stato veramente un piacere essere qui in questi giorni. Ho trovato anche un pubblico competente e caloroso e spero di tornarci anche il prossimo anno».

Parole di ringraziamento all’organizzazione anche da parte del vincitore, Grazioso: «Prima di tutto voglio fare i complimenti a Ricca per la bella settimana e per questa bella finale che siamo riusciti a disputare. Voglio ringraziare tutti, dal maestro Angelo, il giudice arbitro Leo Marzolla con cui ci conosciamo da tempo e c’è una grande stima reciproca, che mi ha voluto qui per giocare questo torneo. Un ringraziamento speciale ad Alessandro Paiano perché realmente poche volte sono stato trattato così in un torneo. Un grazie a tutti i maestri del circolo e a tutte le persone che hanno contribuito a questa meravigliosa manifestazione. Infine voglio ringraziare tutti i ragazzi che sono stati fantastici. Io, da maestro di scuola tennis, quando vedo dei ragazzini in campo così educati e così ordinati sono veramente contento. Ringrazio il pubblico, perché è insolito vedere tanta gente durante tutti i giorni e non solo alla finale e così tanta passione sugli spalti. Infine ringrazio la mia fidanzata che mi segue sempre e anche stasera era accanto a me e mi ha dato la spinta decisiva per vincere questa partita».

Prima della premiazione più importante, si sono succeduti a ritirare i premi i finalisti degli amatori (quarta categoria e non classificati) con Zito che si è imposto su Liuzzi 7-5, 6-2. Tra i quarta categoria Castellana ha vinto la finale con Ancona con un doppio 6-3. Tra i terza categoria Chiericoni ha battuto Sforza 7-6, 6-0.                   

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?