Ferrari, è ufficiale: Antonio Giovinazzi nel WEC con la nuova Hypercar 499P

Ferrari sul proprio sito ha ufficializzato oggi gli equipaggi con cui affronterà la stagione 2023 nella classe Hypercar del Campionato del Mondo Endurance FIA WEC con la 499P presentata negli scorsi mesi durante le Finali Mondiali di Imola. I piloti che comporranno gli equipaggi per le vetture 50 e 51 provengono da diverse categorie e rappresentano la scelta di Ferrari per un rientro tanto atteso quanto ambizioso in uno degli scenari più avvincenti ed emozionanti dell’intero motorsport. Il Cavallino torna infatti quest’anno dopo il Mondiale Marche vinto nel 1972 e il ritiro dell’anno successivo, con la 312PB che colse pochi risultati di rilievo come il secondo posto alla 24h di Le Mans.

Con la 499P numero 50 – che richiama appunto gli anni di assenza di Ferrari nell’endurance – si alterneranno l’italiano Antonio Fuoco, lo spagnolo Miguel Molina e il danese Nicklas Nielsen.

Grande attesa per la vettura numero 51, che al volante vedrà i campioni del mondo LMGTE Pro Alessandro Pier Guidi e James Calado, oltre a una vecchia conoscenza del Cavallino Rampante e dei tifosi martinesi: Antonio Giovinazzi. Dopo una stagione fallimentare in Formula E il classe 1993 proverà a rilanciarsi nell’endurance grazie a Ferrari, con la quale è impegnato dal 2017 e dove manterrà il ruolo di terzo pilota per la Scuderia di F1. 

Ovviamente tanto entusiasmo per il driver della Valle d’Itria, che dal sito ufficiale del Cavallino commenta così: “L’esordio della 499P sarà un momento destinato a entrare nella storia del Cavallino Rampante e per me sarà un grande onore essere parte di questo straordinario momento. Sappiamo di avere una grande responsabilità che affronteremo con grande umiltà, ma consapevoli della nostra forza e pronti per questa grande sfida”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.