Locorotondo. Revocata cittadinanza a Mussolini, maggioranza spaccata

Consiglio comunale molto caldo ieri a Locorotondo, dove una questione dal risultato praticamente scontato (in teoria) si è trasformato invece in una querelle politica, con tanto di abbandono della sala consiliare da parte della maggioranza.

A un secolo dalla marcia su Roma ieri era infatti in discussione la revoca della cittadinanza onoraria per Benito Mussolini (conferita 99 anni e che aveva resistito a vari tentativi di revoca, ndr) a poche settimane dal conferimento dello stesso riconoscimento alla senatrice a vita Liliana Segre. Un gesto che appunto appariva scontato oltre che di mera coerenza e che invece ha dato vita a un colpo di scena, con l’assessore Prete e il consigliere De Michele che si sono schierati con l’opposizione – che aveva appunto chiesto la revoca con Innova Locorotondo e M5S – provocando la reazione della maggioranza. Questa prima ha prima abbandonato l’aula per far mancare il numero legale per poi rientrare, col “no” alla revoca votato dal sindaco Bufano, dal vice Speciale, dall’assessore Giacovelli (non nuovo a iniziative discutibili) e dal consigliere De Giuseppe.

“Ci dissociamo da questa pagliacciata – hanno dichiarato Prete e De Michele al Quotidiano – in un periodo storico come quello che stiamo vivendo non si può tenere a cuore una cittadinanza onoraria a Mussolini che, sinceramente, dopo quella alla senatrice Segre non ha ragione di esistere”.

Ovviamente soddisfatto il M5S e il consigliere comunale Lotito, che ha commentato così: “Finalmente oggi abbiamo rimosso un ostacolo alla mo­dernità, al futuro di un comune nato nel solco della nostra costituzione. Ringrazio i colleghi consiglieri che hanno avuto il coraggio di distinguersi dalla propria maggioranza e ringrazio tutti coloro che hanno espresso liberamente con coraggio il proprio voto”.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.