Illuminazione pubblica. Palmisano “contro” il parere della ditta: restaureremo i lampioni

/ Autore:

Cultura, Società



In questi giorni fari puntati sulla pubblica illuminazione nel centro storico. Dopo avervi dato notizia del parere tecnico della ditta De Sarlo (vincitrice della gara) secondo la quale non è possibile mantenere gli storici lampioni in ferro battuto (“la lanterna è molto piccola e non ha lo spazio adeguato per il corretto alloggio del Refitting Kit Professionale”, ecco la motivazione) si è scatenato l’ovvio tam tam sui social, con l’Amministrazione accusata di non aver preso seriamente la questione e di non avere rispetto della memoria storica della città.

Non si è fatta attendere la risposta da Palazzo Ducale, col vicesindaco Gianfranco Palmisano che ha commentato su Facebook la faccenda, rassicurando la città nonostante il parere tecnico ampiamente sfavorevole della De Sarlo:

“La questione è cosa si vuole fare della città. In questa città che non ha memoria, dove tradizione e consuetudine sono sinonimi, che non vuole avere identità a nessun livello, la sostituzione dei lampioni è normale. Anche se i vecchi lampioni non sono in buono stato, si possono pulire e sistemare, facendoli restare”. Le parole di Nico Blasi, apparse nei giorni scorsi sulla stampa, rispecchiano, in parte, la posizione dell’Amministrazione comunale.

La ditta De Sarlo ha risposto all’Amministrazione che le lanterne (che comunque sarebbero insufficienti) non possono essere usate per il tipo di tecnologia prevista dal piano. La risposta dell’azienda è meramente tecnica perché sono diverse le possibilità che abbiamo per mantenerle. Sicuramente saranno restaurate e valorizzate per mantenere la memoria storica del nostro centro storico. Noi stiamo lavorando in questa direzione.


commenti

E tu cosa ne pensi?