Rifiuti. Interviene l’ANAC. Gara da rifare, mancano 5,2 milioni

La gara per la gestione dell’appalto dei rifiuti di Martina Franca e dell’ARO Ta2 è da rifare. Tempo e risorse perse, quindi, per una questione segnalata già dalla Fp Cgil a giugno del 2023, ma che è stata ignorata, evidentemente, o dalla politica (e quindi dall’assessorato all’Ambiente) o dai tecnici (e quindi dai dirigenti).

Come riporta oggi la Gazzetta del Mezzogiorno (in un articolo di Ottavio Cristofaro), “L’Anac, con un parere del 5 giugno scorso, ha chiarito che, a fronte delle nuove tabelle ministeriali, è necessario aggiornare il progetto del servizio e la stima del costo della manodopera. L’Autorità ha inoltre stabilito che bisogna ridefinire il costo della manodopera e rimodulare il quadro economico dell’appalto, già in questa fase. Pertanto ora bisogna ripubblicare il bando“.

Sono 744mila euro all’anno, la somma mancante, che moltiplicata per i sette anni del servizio, fa 5,2 milioni di euro. Di questi, come riporta Michele Lillo del Quotidiano, per i martinesi sarebbero tre milioni in più: “Il nuovo Piano, quindi, avrà un costo per Martina Franca superiore di circa tre milioni di euro nei sette anni, complice non solo l’aumento tabellare ma anche l’ampliamento previsto del “porta a porta” all’agro accessibile che comporta una maggiore forza lavoro. La vecchia gara è stata, quindi, annullata ed ora l’Ufficio si è riservato di dare avvio a una nuova procedura in seguito all’aggiornamento del progetto e all’approvazione da parte dei Comuni, circostanza che potrebbe portare ad una ulteriore proroga del servizio (sarebbe la terza) alla Monteco, attuale gestore“.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.