Parcheggi per il centro storico. Il Pd si accorge della delibera e la blocca. Ira di Lasorsa

/ Autore:

Politica



Tutto rimandato a data da destinarsi, come volevasi dimostrare. Il progetto di rivedere i parcheggi relativi al centro storico, proposto da Pasquale Lasorsa, assessore alla viabilità, è stato bloccato, come avevamo già previsto. La discussione del provvedimento, strategico per la città, è arrivata troppo tardi, in due settimane non si sarebbe potuto raccogliere nulla di buono, ma i cittadini, più o meno, hanno partecipato: ai due forum e alla consultazione online. Quello che ne è scaturito è una specie di bocciatura generale non tanto dell’idea di rivedere i parcheggi, quanto di discutere di questa opportunità senza tener conto, come scrivono Confcommercio, Umanesimo della Pietra e la Cooperativa Uomo 2000, della ZTL, del Piano del Commercio, del nuovo regolamento dei dehors, della Rigenerazione Urbana e del lavoro sul PUG.

Sembra quasi che a Palazzo Ducale ognuno lavori a compartimenti stagni, senza tener conto di ciò che faccia l’altro assessore, in particolare se l’altro è un assessore che non fa parte del proprio gruppo politico. Il sindaco dovrebbe vigilare su questo.

Il PD, ligio al diktat di Pentassuglia, ha opposto il suo “niet” al provvedimento, assumendosi il merito di aver bloccato una delibera che non piaceva (?) alla città. E’ sorprendente notare come nonostate due settimane di discussione, il Partito Democratico si sia accorto all’ultimo di quello che stava accadendo, svegliato dal torpore estivo.

Il vicesindaco Lasorsa non ci sta, e su Facebook questa mattina condivide il suo pensiero in merito: “Non partecipare a nessuno dei tanti incontri programmati per studiare un problema complesso, far mancare per sette mesi di fila il proprio contributo di idee su temi fondamentali per la vita della città, riunirsi solo 36 ore prima della scadenza di un contratto relativo a un servizio vecchio e che tutti vogliono cambiare e solo per dire “abbiamo bisogno di approfondire, lasciamo tutto com’è “… non è buona politica. I parcheggi rosa, i pass gratuiti per residenti, le agevolazioni ai commercianti e la ZTL telecontrollata nel centro storico dovranno attendere ancora. Buona politica è dedicare tempo e studio alla propria città. Senza questo rimane solo l’esibizionismo egocentrico fine a se stesso. E non siamo qui per questo. Non siamo qui per non decidere ma per cambiare Martina“. E quindi, ci spiega: “Il punto è che dirlo 36 ore prima ci ha tolto anche la possibilità di modernizzare il servizio attuale costringendoci a bandire una gara di sei mesi alle vecchie condizioni dell’appalto in scadenza. Avremmo potuto lasciare inalterato il numero degli stalli ma avremmo potuto introdurre parchi metri e ausiliari per esempio o rivedere le tariffe“.

Si è persa l’occasione, insomma, secondo Lasorsa, anche di migliorare un po’ la situazione, e questa situazione farà sicuramente comodo a qualcuno, che non vuole che le cose cambino.

Rimane inalterata la domanda posta da questa testata in merito ai controlli del Comune sulla cooperativa che gestisce i parcheggi, rea, secondo la Direzione Territoriale del Lavoro, non essere in regola con gli stipendi dei soci lavoratori.


commenti

E tu cosa ne pensi?